Linkhome Documentiportfolio Videovideo Fotohistory
»
S
O
C
I
A
L

B
A
R
«
Conseguenze del caos climatico e crisi del sistema politico, economico e normativo della comunità industriale globalizzata

In tale scenario complesso, il caos climatico mette dunque naturalmente in discussione il sistema politico, economico e normativo della comunità industriale globalizzata, fondata sull’utilizzo dei combustibili fossili, e nel contempo minaccia, già oggi, l’esistenza stessa delle popolazioni non dipendenti da questi ultimi.

La crescente intensità ed imprevedibilità del sistema climatico implica, in effetti, gravi conseguenze, sia nei paesi industrializzati sia nei cosiddetti paesi in via di sviluppo.

L’estrema vulnerabilità delle popolazioni del sud del mondo, già provate dalla crisi alimentare, dalla penuria di acqua potabile e dalla carenza di strutture igienico-sanitarie adeguate, ne diminuisce drasticamente la resilienza climatica, ovvero la capacità di adattamento alle sollecitazioni del clima. Sono proprio coloro che già si trovano in difficoltà grave, dunque, a subire gli effetti maggiori del caos climatico, sia in termini di destabilizzazione dei sistemi di sostentamento, sia in quelli del numero di vittime e di migrazioni forzate. Basti pensare che, negli ultimi cinque anni, più del 96% dei decessi collegati ai disastri naturali si è verificato nei paesi in via di sviluppo. A tale percentuale si somma l’aumento delle vittime di malattie endemiche tropicali come la malaria, la quale si manifesta ad altitudini sino a pochi anni fa ritenute sicure e pertanto sedi di grandi insediamenti umani.

Il numero di profughi ambientali, per lo più provenienti dalle aree più povere del pianeta è anch’esso in continuo aumento e supera quello dei profughi di guerra. Secondo un recente rapporto1 del Center for International Earth Science Information Network (CIESIN) della Columbia University di New York, le popolazioni che dipendono dal sistema acquifero dei ghiacciai himalayani sono esposte a inondazioni e smottamenti nel breve periodo, e a siccità e desertificazione nel lungo periodo. Le grandi megalopoli nelle zone costiere sui delta dei grandi fiumi, quali il Gange, il Mekong e il Nilo rischiano la migrazione forzata a causa dell’innalzamento dei mari: 23 milioni di persone circa nel caso dell’innalzamento di un metro e circa 34 milioni se il livello dal mare salisse di 2 metri. Per lo stesso motivo, gli abitanti degli arcipelaghi più bassi sul livello del mare, quali ad esempio le Maldive e le isole Tuvalu, potrebbero essere tra breve costretti ad abbandonare le proprie terre.

1 Il rapporto è scaricabile dal sito http://www.ciesin.columbia.edu/documents/clim-migr-report-june09_final.pdf

A cura di Alice Benessia, Maria Bucci, Simone Contu, Vincenzo Guarnieri.


12 interventi  
  • martina ha scritto:
    17 dicembre 2009 alle 12:38

    secondo me i cambiamenti climatici sono strettamente legati alle emissioni di co2 e di clorofluorocarburi che assottigliano lo strato d’ozono che protegge gli esseri viventi dai raggi uv. queste emissioni provengono da tutti i tipi di gas di scarico che dalla rivoluzione industriale hanno iniziato a danneggiare gravemente l’ambiente. fino ad oggi non si sono presi seri provvedimenti per fermare questo inquinamento e spero che chi è al comando prenda coscienza al più presto di tutta questa situazione molto grave per il nostro pianeta. nel frattempo ognuno dovrebbe impegnarsi a partecipare alla salvaguardia del pianeta e degli esseri viventi perché la terra è l’unico posto in cui possiamo vivere.

  • matt ha scritto:
    16 ottobre 2014 alle 10:15
  • Snoopy ha scritto:
    20 ottobre 2014 alle 11:50

    I’d like to open a business account desyrel drug Studded gladiators are having a moment and only yesterday Gwyneth Paltrow was spotted in a pair from the Valentino Rockstud collection. Studs and spikes are cropping up everywhere, from handbags, to dresses, to heels and they're an easy way to add edge to a more feminine outfit. Wear with a floaty summer dress or skin tight jeans – just be careful who you play footsie with. You could inflict some major damage.

  • Sydney ha scritto:
    20 ottobre 2014 alle 15:19

    This site is crazy :) traces orlistat canada nonsense naturalist The Shanghai Free-Trade Zone is the first free trade area in mainland China with economic freedoms similar to Hong Kong. Both are centers of international business. Government sources previously told the Post that the free-trade zone could be eventually expanded to include the surrounding Pudong district. Other Chinese cities are also lobbying for zones with economic freedoms.

  • Zoey ha scritto:
    20 ottobre 2014 alle 23:02

    Good crew it’s cool :) buy diflucan uk “The company may be faced with quality control issues (maybebecause of the surge in demand) that may attract FDA’s attentionor require retooling the manufacturing process,” they wrote in anote to clients.

  • Gabriel ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 07:10

    I’ve got a full-time job purchase duloxetine Congo’s information minister immediately blamed a Saturday rocket attack that killed three people in Goma on neighboring Rwanda, which has long been accused of supporting the eastern Congolese rebel movement known as M23.

  • Carter ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 11:22

    One moment, please chase convict cost wellbutrin sr 150mg suck beforehand Moreover, he said, it is not clear that insurers will payfor drugs if the data do not show improved survival or otherclear benefit they are used to seeing when drugs are approved.One task, he said is to figure out “how to bring payors onboard.”

  • Aaliyah ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 18:00

    It’s OK mifepristone misoprostol cost Molly, an illegal stimulant frequently sold in pill form,has become prominent in the electronic music scene over the pastdecade, said Anna, 26, who did not want to give her full namebecause she is in school and “counseling people to be healthy.”

  • Mia ha scritto:
    22 ottobre 2014 alle 02:49

    I’m a partner in Cheap Atrovent Before the 80-minute delay several of the early starters, including a trio of former Masters champions Fijian Vijay Singh (2000) and South Africans Charl Schwartzel (2011) and Trevor Immelman (2008) had already mounted charges.

  • Amelia ha scritto:
    22 ottobre 2014 alle 07:57

    I’m in my first year at university excitedly explosion 400 mg albendazole sport session But it’s all the more crushing when there is no quick fix. Have you ever seen someone in the Apple Store being told their phone can’t be fixed? They can’t accept it. My GP gets the same reaction when he tells the patient there’s nothing he can do. In the age of Google, “I don’t know” just isn’t good enough. Imagine what the Quantified Selves are like when they get cancer.

  • Diana ha scritto:
    22 ottobre 2014 alle 13:21

    Have you got any experience? http://weddingsbyparis.com/me/prici where to buy diflucan no prescription But lawyers for a coalition of seafood importers, including Chicken of the Sea Frozen Foods and Ore-Cal Corp, said a rise in shrimp prices this year undermines the U.S. industry’s argument it is being harmed by the imports.

  • Aaliyah ha scritto:
    22 ottobre 2014 alle 21:44

    I’m training to be an engineer augmentin 500mg twice a day Since there isn’t a large body of research to discourage artificial sweeteners, Patty Denton, a dietitian at IU Health Arnett, said she doesn’t discourage them. However, she said, sugars should be consumed in moderation. Even some flavored waters and energy drinks contain sugar. A can of regular soda can have 150 calories.


Intervieni

Se vuoi inserire un video nel tuo intervento copia il link youtube e sostituisci http con httpv (attenzione alla 'v'!)

Powered by PerformingMediaLab/Pie