Linkhome Documentiportfolio Videovideo Fotohistory
»
S
O
C
I
A
L

B
A
R
«
Il nostro peso sulla Terra

Una società sostenibile è quella che riesce a gestire correttamente le risorse a propria disposizione, in un’ottica di equità sociale e di rispetto dell’ambiente naturale anche e soprattutto con il mantenimento della biodiversità presente e di preservazione per le generazioni future. Una società sostenibile è in grado di appropriarsi dei servizi ecosistemici e naturali che il sistema Terra è in grado di garantire ai propri abitanti in maniera rinnovabile ed equilibrata.

Le risorse che preleviamo dalla natura sono molteplici: le materie prime, l’acqua, i combustibili in grado di fornirci l’energia necessaria alle nostre attività, il cibo. A tutte queste risorse, come anche i servizi sociali e ambientali forniti dalla natura (il riassorbimento delle nostre emissioni e dei nostri rifiuti, la depurazione dell’aria e dell’acqua ad opera di piante ed altri micro-organismi, la fornitura di ossigeno attraverso la sintesi clorofilliana delle piante), quasi mai viene assegnato il loro giusto valore, pur considerando che sono in grado di condizionare fortemente il costo/valore dei beni e servizi che l’uomo ricava da esse. La trasformazione di esse all’interno del sistema economico, attraverso la produttività dei processi tecnologici e attraverso la loro disponibilità, dovrebbe sempre tenere in considerazione anche gli effetti negativi (definiti normalmente esternalità) che nella maggior parte dei casi non sono presi in considerazione. Questa è la ragione per la quale il nostro reale peso sulla Terra è decisamente maggiore di quanto non ci appaia ad un’analisi superficiale o incompleta.

Il nostro cellulare, l’automobile o lo scooter, il pc, una bistecca, un piatto di pasta o una pinta di birra, sono tutti beni che portano con sé una significativa componente ambientale e sociale, costituita dai materiali con i quali sono realizzati, dai materiali movimentati per la loro realizzazione, dall’energia necessaria alla loro realizzazione e al loro trasporto, dalle condizioni lavorative delle persone che li hanno realizzati o che hanno prelevato dalla natura i materiali necessari. E non possiamo trascurare anche il fatto che il loro valore economico, come detto, quasi mai tiene in considerazione i reali impatti ambientali, che vengono scaricati interamente sul nostro ecosistema e raccolte sotto un nome impersonale quanto fuorviante: esternalità. Con tale terminologia si indicano delle conseguenze non direttamente monetizzate in un bene o servizio del quale stiamo appropriandoci: è il caso per esempio del contributo al riscaldamento climatico conseguente alla CO2 emessa dai comparti industriali che hanno realizzato quel bene o servizio, del grande quantitativo di materiali inerti smossi per il prelievo di alcune risorse minerarie indispensabili alla sua realizzazione, delle condizioni svantaggiate in cui versano molti lavoratori nei paesi meno sviluppati.

A cura di Alice Benessia, Maria Bucci, Simone Contu, Vincenzo Guarnieri.


8.116 interventi  
  • viagra ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 17:49

    You write so honestly about this. Thanks for sharing!

  • Madu Penyubur Kandungan dan Sperma ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 17:56

    Hiya, I am really glad I’ve found this info. Today bloggers publish only about gossip and internet stuff and this is actually irritating. A good site with interesting content, that’s what I need. Thanks for making this site, and I will be visiting again. Do you do newsletters by email?

  • reactine allergy ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 18:03

    Thanks for sharing your info. I truly appreciate your efforts and I will be waiting for your further post thanks once again.|

  • buy Viagra locksmiths cheltenham ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 18:19

    I enjoy reading an article that can make men and women think. Also, thanks for allowing for me to comment!


Intervieni

Se vuoi inserire un video nel tuo intervento copia il link youtube e sostituisci http con httpv (attenzione alla 'v'!)

Powered by PerformingMediaLab/Pie