Linkhome Documentiportfolio Videovideo Fotohistory
»
S
O
C
I
A
L

B
A
R
«
Il nostro peso sulla Terra

Una società sostenibile è quella che riesce a gestire correttamente le risorse a propria disposizione, in un’ottica di equità sociale e di rispetto dell’ambiente naturale anche e soprattutto con il mantenimento della biodiversità presente e di preservazione per le generazioni future. Una società sostenibile è in grado di appropriarsi dei servizi ecosistemici e naturali che il sistema Terra è in grado di garantire ai propri abitanti in maniera rinnovabile ed equilibrata.

Le risorse che preleviamo dalla natura sono molteplici: le materie prime, l’acqua, i combustibili in grado di fornirci l’energia necessaria alle nostre attività, il cibo. A tutte queste risorse, come anche i servizi sociali e ambientali forniti dalla natura (il riassorbimento delle nostre emissioni e dei nostri rifiuti, la depurazione dell’aria e dell’acqua ad opera di piante ed altri micro-organismi, la fornitura di ossigeno attraverso la sintesi clorofilliana delle piante), quasi mai viene assegnato il loro giusto valore, pur considerando che sono in grado di condizionare fortemente il costo/valore dei beni e servizi che l’uomo ricava da esse. La trasformazione di esse all’interno del sistema economico, attraverso la produttività dei processi tecnologici e attraverso la loro disponibilità, dovrebbe sempre tenere in considerazione anche gli effetti negativi (definiti normalmente esternalità) che nella maggior parte dei casi non sono presi in considerazione. Questa è la ragione per la quale il nostro reale peso sulla Terra è decisamente maggiore di quanto non ci appaia ad un’analisi superficiale o incompleta.

Il nostro cellulare, l’automobile o lo scooter, il pc, una bistecca, un piatto di pasta o una pinta di birra, sono tutti beni che portano con sé una significativa componente ambientale e sociale, costituita dai materiali con i quali sono realizzati, dai materiali movimentati per la loro realizzazione, dall’energia necessaria alla loro realizzazione e al loro trasporto, dalle condizioni lavorative delle persone che li hanno realizzati o che hanno prelevato dalla natura i materiali necessari. E non possiamo trascurare anche il fatto che il loro valore economico, come detto, quasi mai tiene in considerazione i reali impatti ambientali, che vengono scaricati interamente sul nostro ecosistema e raccolte sotto un nome impersonale quanto fuorviante: esternalità. Con tale terminologia si indicano delle conseguenze non direttamente monetizzate in un bene o servizio del quale stiamo appropriandoci: è il caso per esempio del contributo al riscaldamento climatico conseguente alla CO2 emessa dai comparti industriali che hanno realizzato quel bene o servizio, del grande quantitativo di materiali inerti smossi per il prelievo di alcune risorse minerarie indispensabili alla sua realizzazione, delle condizioni svantaggiate in cui versano molti lavoratori nei paesi meno sviluppati.

A cura di Alice Benessia, Maria Bucci, Simone Contu, Vincenzo Guarnieri.


4.310 interventi  
  • tree removals ha scritto:
    28 gennaio 2015 alle 13:16

    Good way of telling, and pleasant post to obtain data concerning my presentation subject matter, which i am going to deliver in university.|

  • oral std symptoms ha scritto:
    28 gennaio 2015 alle 15:20

    I’m amazed, I have to admit. Seldom do I come across a blog that’s both educative and engaging, and let me tell you, you have hit the nail on the head. The issue is an issue that too few folks are speaking intelligently about. I’m very happy that I stumbled across this during my hunt for something relating to this.|

  • sofa and sectional ha scritto:
    28 gennaio 2015 alle 15:31

    My spouse and I discovered you from a another page plus thought I may possibly check items out on الإحتباس الحراري وأثره على البيئة | هندسة نت . We like what I view thus now I’m a fan. Appear toward exploring your internet site once again. Incidentally what about Muammar Gaddafi breathtaking media stories what do you really believe . Kudos … Irrigation System Maintenance

  • gift ideas for groomsmen ha scritto:
    28 gennaio 2015 alle 16:01

    I love your blog.. very nice colors & theme. Did you make this website yourself or did you hire someone to do it for you? Plz respond as I’m looking to construct my own blog and would like to find out where u got this from. appreciate it|

  • junk removal contractor ha scritto:
    28 gennaio 2015 alle 16:49

    Having read this I thought it was rather informative. I appreciate you spending some time and energy to put this information together. I once again find myself personally spending a lot of time both reading and leaving comments. But so what, it was still worth it!|

  • georgetown new home builder ha scritto:
    28 gennaio 2015 alle 17:56

    Have you ever thought about including a little bit more than just your articles? I mean, what you say is important and everything. However imagine if you added some great photos or videos to give your posts more, “pop”! Your content is excellent but with pics and videos, this blog could definitely be one of the best in its field. Excellent blog!|

  • Facebook Scrapper ha scritto:
    28 gennaio 2015 alle 19:45

    Digg…

    While checking out DIGG today I noticed this…

  • Ogrodzenia Plastikowe ha scritto:
    28 gennaio 2015 alle 20:07

    Hello, i read your blog from time to time and i own a similar one and i was just curious if you get a lot of spam feedback? If so how do you prevent it, any plugin or anything you can recommend? I get so much lately it’s driving me mad so any support is very much appreciated.

  • chlamydia symptoms ha scritto:
    28 gennaio 2015 alle 20:39

    Howdy are using WordPress for your site platform? I’m new to the blog world but I’m trying to get started and set up my own. Do you require any html coding expertise to make your own blog? Any help would be greatly appreciated!|

  • immigration lawyers ha scritto:
    28 gennaio 2015 alle 21:46

    Wikia…

    Wika linked to this place…


Intervieni

Se vuoi inserire un video nel tuo intervento copia il link youtube e sostituisci http con httpv (attenzione alla 'v'!)

Powered by PerformingMediaLab/Pie