Linkhome Documentiportfolio Videovideo Fotohistory
»
S
O
C
I
A
L

B
A
R
«
L’ombra lunga di allevamento e agricoltura

L’enfasi sull’aumento della produzione totale e sul profitto aziendale, tipica della concezione economicista del cibo, è stata fra i fattori determinanti della progressiva industrializzazione dell’agricoltura e dell’allevamento. La produzione totale netta è, in effetti, aumentata, ma a costo di una serie di effetti collaterali sempre meno trascurabili e sempre più insostenibili.

La cosiddetta rivoluzione verde in agricoltura ha raggiunto lo scopo di aumentare le rese agricole, localmente e lungo un arco temporale limitato, attraverso la selezione di alcune specie vegetali più resistenti, l’irrigazione intensiva e l’utilizzo di fertilizzanti chimici e di pesticidi. Tali modalità agricole ben si adattano alla monocoltura da esportazione, ma hanno un impatto ambientale molto elevato. Il controllo chimico mirato del suolo implica una sterilizzazione della naturale biodiversità e della capacità di rigenerazione ed una conseguente dipendenza dal nutrimento e dalle difese introdotte dall’esterno, tramite pesticidi e fertilizzanti chimici. Nel contempo, l’irrigazione intensiva è spesso incompatibile con i cicli idrologici che mantengono la stabilità e la buona salute dei fiumi e dei corsi d’acqua. Tale trasformazione produttiva rende i processi agricoli molto più rapidi e di larga scala, ma interrompe i cicli di rinnovamento di interi ecosistemi, rendendoli straordinariamente vulnerabili e, nel lungo periodo, inutilizzabili[1]. Inoltre, la chimica di sintesi che tiene in vita e difende le specie coltivate da attacchi esterni è responsabile dell’inquinamento persistente delle falde acquifere e degli stessi prodotti agricoli alimentari. Infine, la dipendenza dai combustibili fossili, nella meccanizzazione della lavorazione agricola, nel trasporto e nella conservazione dei prodotti, nella produzione stessa di pesticidi e fertilizzanti, è oggi quantomai problematica, sia dal punto di vista strettamente energetico, sia da quello delle emissioni di CO2 e dunque del cambiamento climatico.

Se sino ai primi anni 2000 le conseguenze negative del sistema agroalimentare industriale erano evidenziate e discusse per lo più da correnti di pensiero minoritarie, animaliste e ambientaliste, negli anni più recenti la questione è entrata a pieno titolo nel dibattito pubblico istituzionale. Nel 2007, la FAO (Food and AgricultureOrganization), ovvero l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, ha pubblicato per la prima volta un rapporto sull’impatto socio-ambientale del sistema alimentare industriale dal titolo eloquente “L’ombra lunga del bestiame: questioni ambientali e possibili opzioni” (FAO 2006). I consumi di prodotti animali, in particolare di carne sono raddoppiati nel Nord industrializzato negli ultimi 40 anni, mentre nei paesi del Sud globale sono raddoppiati negli ultimi 20 anni[2]. La quantità di terra destinata all’allevamento, per via diretta, con il pascolo, e per via indiretta, con la produzione di mangimi, è aumentata di conseguenza.

L’industrializzazione dell’allevamento presenta dunque effetti collaterali ancora più marcati di quelli relativi all’agricoltura, anche perché dipende in larga misura dalle monocolture intensive. Nelle industrie zootecniche contemporanee, i cosiddetti “CAFO” (Confined Animal Breeding Operations), il disaccoppiamento tra il ciclo di vita del bestiame e quello della terra è completo. Si tratta di una sorta di urbanizzazione degli animali (Pollan 2008), i quali vengono nutriti con mangimi che provengono da monocolture spesso di importazione[3]. Il disaccoppiamento tra la terra e l’allevamento si verifica anche nel riciclo delle deiezioni animali, che diventa impossibile nei CAFO a causa dell’eccessiva concentrazione di inquinanti chimici e di azoto, sottoprodotto dalle diete ad alto rendimento.  L’inquinamento chimico dell’allevamento intensivo è, in effetti, a sua volta molto elevato. Il confinamento forzato di  un elevato numero di capi di bestiame su superfici ridotte rende gli animali molto vulnerabili alle infezioni e impone l’utilizzo di elevate quantità di antibiotici. Gli stessi farmaci antibiotici sono utilizzati in sinergia con terapie ormonali per “fertilizzare” gli animali, ovvero per  aumentarne il peso in tempi ridotti[4]. La terapia chimica filtra naturalmente nel sistema acquifero ed alimentare con conseguenti timori per la salute umana e degli ecosistemi coinvolti. Inoltre,  le condizioni di vita degli animali allevati in modo intensivo e gestiti con i medesimi criteri della produzione in catena di montaggio tipica dei prodotti industriali, sono sempre più difficilmente accettabili, non più soltanto dalle correnti minoritarie degli animalisti[5].

Infine, uno dei fattori negativi oggi più significativi della zootecnia industriale è l’impatto sul clima. Secondo le ultime stime dell’autorevole World Watch Magazine l’allevamento intensivo è responsabile attualmente del 51% delle emissioni di gas serra in atmosfera, superando tutte le altre attività umane, inclusi i trasporti e la produzione industriale[6] (Goodland e Anhan 2009). L’entità della percentuale impattante è dovuta all’effetto complessivo di molteplici fattori che includono le emissioni gastriche di metano[7] dei bovini, costretti ad una dieta a base di cereali non consona al loro sistema digerente, l’emissione di ossido di azoto dalle deiezioni, la deforestazione per il pascolo e la produzione dei mangimi.

A cura di Alice Benessia, Maria Bucci, Simone Contu, Vincenzo Guarnieri.


[1] Un esempio di desertificazione indotta di proporzioni drammatiche è quella del lago Aral e dei territori attigui, devastati dalla monocoltura intensiva del cotone, nel secondo dopoguerra.

[2] In particolare con l’ingresso dell’India e della Cina nel mercato globale della carne (State of the World 2006).

[3] Il flusso globale di derrate agricole ad uso animale è cresciuto esponenzialmente con la liberalizzazione dei mercati e dei capitali. Il Brasile ad esempio produce una quota significativa del mangime destinato al sempre crescente allevamento di carne in Cina (Nylor et al. Science 2005).

[4] Alcuni dati rendono evidente la proporzione del problema: negli Stati Uniti il 70%  degli antibiotici sono prodotti e venduti ad uso animale. Negli ultimi 50 anni, il peso medio dei polli da macello è raddoppiato e i tempi medi dalla nascita al macello si sono dimezzati (State of the World 2006).

[5] Si veda a tal proposito il lavoro filosofico di Peter Singer sullo specismo  (Singer 2003) come forma di discriminazione di specie analoga al razzismo, e il lavoro letterario del Premio Nobel Coetzee dal titolo “La vita degli animali” (Coetzee 2003) e il lavoro cinematografico del regista Nikolaus Geyrhalter nel film documentario “Il nostro pane quotidiano” (Festival Cinemambiente Torino 2005).

[6] Per la produzione di 225 grammi di patate si emette una quantità di CO2 pari a quella generata dal guidare un’auto per 300 metri. Per la stessa quantità di asparagi, è come guidare la stessa auto per 440 metri. Per la carne di pollo, molto di più: 1,17 km, per il maiale 4,1 km, per il manzo 15,8 chilometri.

[7] Il metano è un gas climalterante venti volte più impattante della CO2.


43 interventi  
  • Ella ha scritto:
    25 ottobre 2014 alle 09:10

    Is it convenient to talk at the moment? accomplish medieval diflucan one buy online resident outlet “Xi Jinping needs somebody like Jiang Zemin to say that he’s doing well and also to project the facade of unity that there is nobody challenging him,” said Willy Lam, an expert on party politics at the Chinese University of Hong Kong.

  • Lily ha scritto:
    25 ottobre 2014 alle 09:51

    Do you know the address? colored accutane isotretinoin 10mg insolent subsided “I am pleased with this outcome and am energized to continue building Dell into the industry’s leading provider of scalable, end-to-end technology solutions,” Mr. Dell said. “As a private enterprise, with a strong private-equity partner, we’ll serve our customers with a single-minded purpose and drive the innovations that will help them achieve their goals.”

  • Nicole ha scritto:
    25 ottobre 2014 alle 11:11

    Could you send me an application form? buy amoxicillin and clavulanate potassium tablets Afghanistan and the United States have been negotiating the agreement, which would allow the presence of foreign troops beyond the end of 2014. When signed, it would allow a small force of trainers and possibly counterterrorism troops to remain. Although no numbers have been announced yet, it is believed they would be about 9,000 from the U.S. and 6,000 from its allies.


Intervieni

Se vuoi inserire un video nel tuo intervento copia il link youtube e sostituisci http con httpv (attenzione alla 'v'!)

Powered by PerformingMediaLab/Pie