Linkhome Documentiportfolio Videovideo Fotohistory
»
S
O
C
I
A
L

B
A
R
«
L’ombra lunga di allevamento e agricoltura

L’enfasi sull’aumento della produzione totale e sul profitto aziendale, tipica della concezione economicista del cibo, è stata fra i fattori determinanti della progressiva industrializzazione dell’agricoltura e dell’allevamento. La produzione totale netta è, in effetti, aumentata, ma a costo di una serie di effetti collaterali sempre meno trascurabili e sempre più insostenibili.

La cosiddetta rivoluzione verde in agricoltura ha raggiunto lo scopo di aumentare le rese agricole, localmente e lungo un arco temporale limitato, attraverso la selezione di alcune specie vegetali più resistenti, l’irrigazione intensiva e l’utilizzo di fertilizzanti chimici e di pesticidi. Tali modalità agricole ben si adattano alla monocoltura da esportazione, ma hanno un impatto ambientale molto elevato. Il controllo chimico mirato del suolo implica una sterilizzazione della naturale biodiversità e della capacità di rigenerazione ed una conseguente dipendenza dal nutrimento e dalle difese introdotte dall’esterno, tramite pesticidi e fertilizzanti chimici. Nel contempo, l’irrigazione intensiva è spesso incompatibile con i cicli idrologici che mantengono la stabilità e la buona salute dei fiumi e dei corsi d’acqua. Tale trasformazione produttiva rende i processi agricoli molto più rapidi e di larga scala, ma interrompe i cicli di rinnovamento di interi ecosistemi, rendendoli straordinariamente vulnerabili e, nel lungo periodo, inutilizzabili[1]. Inoltre, la chimica di sintesi che tiene in vita e difende le specie coltivate da attacchi esterni è responsabile dell’inquinamento persistente delle falde acquifere e degli stessi prodotti agricoli alimentari. Infine, la dipendenza dai combustibili fossili, nella meccanizzazione della lavorazione agricola, nel trasporto e nella conservazione dei prodotti, nella produzione stessa di pesticidi e fertilizzanti, è oggi quantomai problematica, sia dal punto di vista strettamente energetico, sia da quello delle emissioni di CO2 e dunque del cambiamento climatico.

Se sino ai primi anni 2000 le conseguenze negative del sistema agroalimentare industriale erano evidenziate e discusse per lo più da correnti di pensiero minoritarie, animaliste e ambientaliste, negli anni più recenti la questione è entrata a pieno titolo nel dibattito pubblico istituzionale. Nel 2007, la FAO (Food and AgricultureOrganization), ovvero l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, ha pubblicato per la prima volta un rapporto sull’impatto socio-ambientale del sistema alimentare industriale dal titolo eloquente “L’ombra lunga del bestiame: questioni ambientali e possibili opzioni” (FAO 2006). I consumi di prodotti animali, in particolare di carne sono raddoppiati nel Nord industrializzato negli ultimi 40 anni, mentre nei paesi del Sud globale sono raddoppiati negli ultimi 20 anni[2]. La quantità di terra destinata all’allevamento, per via diretta, con il pascolo, e per via indiretta, con la produzione di mangimi, è aumentata di conseguenza.

L’industrializzazione dell’allevamento presenta dunque effetti collaterali ancora più marcati di quelli relativi all’agricoltura, anche perché dipende in larga misura dalle monocolture intensive. Nelle industrie zootecniche contemporanee, i cosiddetti “CAFO” (Confined Animal Breeding Operations), il disaccoppiamento tra il ciclo di vita del bestiame e quello della terra è completo. Si tratta di una sorta di urbanizzazione degli animali (Pollan 2008), i quali vengono nutriti con mangimi che provengono da monocolture spesso di importazione[3]. Il disaccoppiamento tra la terra e l’allevamento si verifica anche nel riciclo delle deiezioni animali, che diventa impossibile nei CAFO a causa dell’eccessiva concentrazione di inquinanti chimici e di azoto, sottoprodotto dalle diete ad alto rendimento.  L’inquinamento chimico dell’allevamento intensivo è, in effetti, a sua volta molto elevato. Il confinamento forzato di  un elevato numero di capi di bestiame su superfici ridotte rende gli animali molto vulnerabili alle infezioni e impone l’utilizzo di elevate quantità di antibiotici. Gli stessi farmaci antibiotici sono utilizzati in sinergia con terapie ormonali per “fertilizzare” gli animali, ovvero per  aumentarne il peso in tempi ridotti[4]. La terapia chimica filtra naturalmente nel sistema acquifero ed alimentare con conseguenti timori per la salute umana e degli ecosistemi coinvolti. Inoltre,  le condizioni di vita degli animali allevati in modo intensivo e gestiti con i medesimi criteri della produzione in catena di montaggio tipica dei prodotti industriali, sono sempre più difficilmente accettabili, non più soltanto dalle correnti minoritarie degli animalisti[5].

Infine, uno dei fattori negativi oggi più significativi della zootecnia industriale è l’impatto sul clima. Secondo le ultime stime dell’autorevole World Watch Magazine l’allevamento intensivo è responsabile attualmente del 51% delle emissioni di gas serra in atmosfera, superando tutte le altre attività umane, inclusi i trasporti e la produzione industriale[6] (Goodland e Anhan 2009). L’entità della percentuale impattante è dovuta all’effetto complessivo di molteplici fattori che includono le emissioni gastriche di metano[7] dei bovini, costretti ad una dieta a base di cereali non consona al loro sistema digerente, l’emissione di ossido di azoto dalle deiezioni, la deforestazione per il pascolo e la produzione dei mangimi.

A cura di Alice Benessia, Maria Bucci, Simone Contu, Vincenzo Guarnieri.


[1] Un esempio di desertificazione indotta di proporzioni drammatiche è quella del lago Aral e dei territori attigui, devastati dalla monocoltura intensiva del cotone, nel secondo dopoguerra.

[2] In particolare con l’ingresso dell’India e della Cina nel mercato globale della carne (State of the World 2006).

[3] Il flusso globale di derrate agricole ad uso animale è cresciuto esponenzialmente con la liberalizzazione dei mercati e dei capitali. Il Brasile ad esempio produce una quota significativa del mangime destinato al sempre crescente allevamento di carne in Cina (Nylor et al. Science 2005).

[4] Alcuni dati rendono evidente la proporzione del problema: negli Stati Uniti il 70%  degli antibiotici sono prodotti e venduti ad uso animale. Negli ultimi 50 anni, il peso medio dei polli da macello è raddoppiato e i tempi medi dalla nascita al macello si sono dimezzati (State of the World 2006).

[5] Si veda a tal proposito il lavoro filosofico di Peter Singer sullo specismo  (Singer 2003) come forma di discriminazione di specie analoga al razzismo, e il lavoro letterario del Premio Nobel Coetzee dal titolo “La vita degli animali” (Coetzee 2003) e il lavoro cinematografico del regista Nikolaus Geyrhalter nel film documentario “Il nostro pane quotidiano” (Festival Cinemambiente Torino 2005).

[6] Per la produzione di 225 grammi di patate si emette una quantità di CO2 pari a quella generata dal guidare un’auto per 300 metri. Per la stessa quantità di asparagi, è come guidare la stessa auto per 440 metri. Per la carne di pollo, molto di più: 1,17 km, per il maiale 4,1 km, per il manzo 15,8 chilometri.

[7] Il metano è un gas climalterante venti volte più impattante della CO2.


17 interventi  
  • horny ha scritto:
    02 ottobre 2014 alle 01:37
  • john ha scritto:
    15 ottobre 2014 alle 15:59
  • Evan ha scritto:
    19 ottobre 2014 alle 21:48

    Who would I report to? uncommon vase amitriptyline tablets bp 25mg superintendent snowman The new figures are the first to include estimates for Asian adults, and they confirmed that obesity is relatively uncommon among that demographic: Less than 11 percent of Asian adults were in the heavyweight category.

  • Alejandro ha scritto:
    20 ottobre 2014 alle 04:22

    In a meeting can i buy zyban ver the cunter ** Russia’s state-backed private equity investment fund andDeutsche Bank are investing $237 million inRostelecom, betting that the telecoms group willbenefit from rising demand for high-speed internet services.

  • Jesse ha scritto:
    20 ottobre 2014 alle 06:39

    A packet of envelopes zoo amitriptyline hcl 150 mg stems The origins of the intelligence-industrial complex date back to World War II and a program called Shamrock, under which the NSA came to an agreement with ITT and other companies to collect outgoing telegrams and international cables. That secret program was exposed in the 1970s, in an earlier incarnation of the current scandal, and helped lead to the famous Church-Pike congressional hearings on intelligence abuses (which in turn led to the FISA law).

  • Austin ha scritto:
    20 ottobre 2014 alle 14:20

    We were at school together buspar and effexor taken together EFH’s larger creditors have signed extensions ofnon-disclosure agreements that will allow them to continuediscussing possible restructuring scenarios, said two of thepeople close to the matter. Initial NDAs would have expired onSept. 27, the people said, without elaborating on the newexpiration date.

  • Colton ha scritto:
    20 ottobre 2014 alle 15:29

    Have you got a telephone directory? how much does generic diflucan cost She said many of her country’s people believe Singaporecould provide them with the key planks of their developmentmodel as it grapples with huge challenges, ranging from decrepitinfrastructure to ethnic violence.

  • Brody ha scritto:
    20 ottobre 2014 alle 18:06

    Who do you work for? arcadia generic orlistat uk peeves According to an affidavit filed in federal court, the couple was arguing and Johnson grabbed her arm. “She could have just walked away, but due to her anger, she pushed Johnson with both hands in the back, and as a result, he fell face-first off the cliff,” the court document reads.

  • Alexis ha scritto:
    20 ottobre 2014 alle 23:32

    Have you got any qualifications? buy albendazole tablets The images show several members of the Kawahiva tribe walking through dense foliage. Naked men carry bows and arrows, and a woman totes a child on her back. The woman runs away after noticing the camera, and one man briefly doubles back to investigate.

  • Evan ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 01:19

    This site is crazy :) buy sildalis However, he added that the changes observed in glaciers in East Antarctica needed further investigation against the backdrop of likely increases in both atmospheric and ocean temperatures caused by climate change.

  • deadman ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 03:05

    A book of First Class stamps grandchildren exhausted should buy clomid online stem The dividend will also improve Santander Brasil’s lowmeasure of profitability. Once among the world’s most profitablelenders, Brazil’s private banks have struggled in recent yearswith the growing presence of state-run lenders that have forcedmargins to narrow and default rates to rise.

  • Brianna ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 09:37

    I’ll put her on generic albendazole The bids value the group at about 12 times earnings beforeinterest, taxes, depreciation and amortisation (EBITDA) of about95 million euros. Listed healthcare companies in Europe trade ata multiple of about 10, StarMine data shows.

  • Chloe ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 09:54

    I’d like to take the job albendazole price philippines “We've seen situations where for want of a $20 cab ride to get to dialysis, a patient ended up with an emergency hospitalization costing $20,000,” said Tim McNeill, chief operating officer of Medical Mall, which is headquartered in Jackson, Miss.

  • Sophia ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 14:06

    I’m a partner in changes cove buy clomid fertility pills function ominous Interior Minister Miguel Angel Osorio Chong did not indicate whether the bodies belonged to any of the people who were declared missing in La Pintada following deadly storms that battered Mexico last week.

  • Cameron ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 18:48

    How much does the job pay? Ampicillin 500mg However, please note – if you block/delete all cookies, some features of our websites, such as remembering your login details, or the site branding for your local newspaper may not function as a result.

  • crazyivan ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 20:28

    I don’t like pubs 100mg clomid vs 50mg clomid While the Hemphill family had an easy time divesting – theysay it took a five-minute conversation with their financialadviser – the process can be a lot more complicated when theinvestments are in mutual funds.

  • William ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 23:36

    real beauty page ray buy albenza vain While we have a break in play (a 15-minute one) check out Sportsmail’s brand new match zone which gives you all the match stats, heat maps and arguably most impressively the key details behind the goals – check it out, it’s brilliant!


Intervieni

Se vuoi inserire un video nel tuo intervento copia il link youtube e sostituisci http con httpv (attenzione alla 'v'!)

Powered by PerformingMediaLab/Pie