Linkhome Documentiportfolio Videovideo Fotohistory
»
S
O
C
I
A
L

B
A
R
«
La clessidra: denutrizione e malnutrizione

Con la liberalizzazione dei capitali e dei mercati, avvenuta a partire dagli anni novanta, in alcuni stadi fondamentali della catena che unisce i campi alle tavole, il potere è concentrato nelle mani di pochi. Se si considera il numero di attori coinvolti nell’intero processo di produzione, lavorazione, distribuzione e vendita di un prodotto agricolo, ad esempio il caffè, si ottiene un’immagine simile ad una clessidra (Patel 2009). Le due basi rappresentano il numero totale di produttori, da un lato, e quello dei consumatori finali dall’altro. Gli accordi internazionali dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) favoriscono l’esportazione di materie prime non lavorate da parte dei paesi del Sud globale. Ciò significa, per le cosiddette economie emergenti del Sud, rinunciare al valore aggiunto dei prodotti lavorati (Sachs e Santarius 2007). Il punto più stretto del collo della clessidra è così rappresentato da un numero esiguo di venditori ed acquirenti aziendali di materie prime da un lato e di prodotti di vendita dall’altro. Il mercato globale, che prevede un flusso di merci intercontinentali ad alta potenza, è dunque, di fatto, gestito da pochi attori con grande potere logistico e finanziario. In effetti, più grande è un’azienda, più muove trasporti e meno le costerà rimanere sul mercato. Quando il  numero di aziende che gestisce il passaggio dai produttori ai consumatori è ridotto, le imprese – e più in generale il mercato finanziario nel quale tali aziende sono immerse – esercitano la loro influenza sia sulle persone che coltivano e allevano il cibo sia sulle persone che lo mangiano. Le manifestazioni estreme della crisi alimentare attuale, la denutrizione e la malnutrizione croniche, sono connesse ai meccanismi impliciti nello schema a clessidra. Vediamo come.

Uno degli effetti delle politiche alimentari neoliberiste è stato quello di favorire, nei paesi del Sud globale, le agricolture intensive e le monocolture da esportazione- si pensi dalla soia, al cotone, al riso e al caffè- le quali hanno progressivamente sostituito le agricolture di sussistenza. Negli ultimi vent’anni, mentre l’Europa e gli Stati Uniti proteggevano i loro agricoltori, su incoraggiamento delle politiche neoliberiste della Banca Mondiale e più recentemente dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, i paesi del Sud hanno gradualmente eliminato l’intervento pubblico nel settore agricolo. In mancanza di protezioni economico-sociali da parte dei governi locali, i proprietari di piccoli appezzamenti si sono trovati a dover concorrere sempre più da vicino con le grandi aziende agroalimentari globalizzate e a dover dunquevendere la loro terra. La transizione verso le monocolture da esportazione, favorita dalle amministrazioni locali nell’intento di promuovere lo sviluppo economico, è stata dunque accompagnata da una progressiva espropriazione dei contadini, oggi per lo più lavoratori dipendenti per grandi aziende produttive. La biodiversità alimentare è così diminuita drasticamente[1] e le cosiddette economie emergenti si sono trovate ad importare i beni alimentari che fino a pochi anni fa erano prodotti localmente. I prezzi dei prodotti importati, soggetti alle fluttuazioni del mercato globale, sono aumentati e il potere d’acquisto delle popolazioni locali, sempre più ancorato ai salari minimi, è drasticamente diminuito. Il risultato è che i beni alimentari di sussistenza sono oggi troppo cari per un crescente numero di persone[2].  Ciò significa denutrizione cronica nei paesi del Sud, e malnutrizione nei paesi del Nord, dove prevale, in forma sempre più generalizzata, il consumo di prodotti a basso costo ai quali corrisponde, nel sistema della grande distribuzione, un cibo di bassa qualità[3].

A cura di Alice Benessia, Maria Bucci, Simone Contu, Vincenzo Guarnieri.


[1] Oggi coltiviamo prevalentemente 4 tipi di piante per il commercio globale (mais, soia, riso, cotone) mentre l’umanità ha coltivato più di 8.500 piante (Shiva 2005).

[2] L’emergenza alimentare del Niger nel 2005 è un esempio di come si possano confondere crisi strutturale e crisi congiunturale. Colpito da una grave siccità e da un’invasione di locuste, il paese entrò quell’anno in uno stato di emergenza alimentare grave. La causa fu attribuita agli evidenti e repentini stress ambientali, ma le rilevazioni successive stabilirono che produzione agricola era scesa del solo 7.5 %. Pur scatenata dalle locuste e dalla siccità, la crisi alimentare aveva, in effetti, origine nella drastica diminuzione dell’agricoltura locale a favore di quella da esportazione avvenuta qualche anno prima. In tale scenario, l’esigua diminuzione della resa agricola ebbe, di fatto, un impatto drammatico sulla popolazione poiché eliminò il piccolo margine di autosussistenza rimasto e costrinse i coltivatori, il cui potere d’acquisto era del tutto insufficiente, alla fame (Napoleoni 2008).

[3] Il cosiddetto “junk food” ovvero “cibo spazzatura” è associato ad un’alimentazione di origine industriale, ricca di grassi e zuccheri e priva di micronutrienti fondamentali. Ne sono un esempio le bevande gassate, tra le maggiori responsabili di forme diabetiche nei bambini e negli adulti, e le carni industriali a basso costo. La malnutrizione da cibo spazzatura colpisce maggiormente le fasce più povere delle popolazioni sia nei paesi del Nord industrializzato, sia nei paesi del Sud globale. Negli Stati Uniti, il tasso di obesità nelle comunità ispaniche e afro-americane è del 50% superiore a quello delle comunità bianche.


13 interventi  
  • matt ha scritto:
    16 ottobre 2014 alle 15:52
  • Mishel ha scritto:
    20 ottobre 2014 alle 06:00

    Do you have any exams coming up? 60 mg buspar The International Atomic Energy Agency (IAEA), the U.N. nuclear watchdog, said it did not yet have a “clear understanding” of the situation, while the U.S. special envoy for North Korea said if the restart were confirmed, it would be a very serious development.

  • Hunter ha scritto:
    20 ottobre 2014 alle 08:31

    A few months josie archie orlistat generico efectos secundarios cartoon On Sunday, Kenyan officials had said that while “most” of the hostages had been freed after a major assault had been launched on the mall, an unknown number of people were still being held by up to 10 to 15 militants inside a supermarket in the shopping complex. 

  • Charles ha scritto:
    20 ottobre 2014 alle 17:13

    I’d like to open a business account price of diflucan Around our city — from Queens Plaza to Times Square — we have made improvements to the urban landscape that are paying off. Some of our fastest growing companies are flocking to Chelsea and the Flatiron, where spaces like the High Line, Madison Square Park and pedestrian plazas bring green space and places to sit, eat lunch and relax.

  • Christopher ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 01:16

    this post is fantastic cymbalta order online canada No power can hold another nation, and specially a nation of 400 million souls in subjection; nobody could have conquered you, and even if it had happened, nobody could have continued its hold on you for any length of time, but for this. Therefore, we must learn a lesson from this.

  • unlove ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 04:51

    Pleased to meet you apricot tense cost of wellbutrin sr 150 publicity both Stein, who has talked about the risk of Fed bond buying leading to asset bubbles, said that one way to reduce uncertainty and accompanying market volatility would be to link cuts in bond buying directly to economic data.

  • Taylor ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 11:38

    I love this site buy clomid 50mg — National Institute for Health: Currently, nearly three-quarters of NIH staff have been furloughed. Although the NIH Clinical Center remains open for patients already enrolled in studies, most new patients have been turned away during the shutdown. NIH will continue to monitor its admissions policy and adjust as necessary based on life and safety considerations, depending on the duration of the shutdown.”

  • Charles ha scritto:
    21 ottobre 2014 alle 20:37

    This is your employment contract augmentin 250 mg/5ml Deutsche’s Whitman added that in most sectors, fromfinancials to corporates, spreads are at their tightestyear-to-date, while emerging markets spreads were significantlytighter than where they had been at the end of the secondquarter.

  • Andrew ha scritto:
    22 ottobre 2014 alle 01:23

    good material thanks utilities buy albendazole over counter hug lined Several friends have now been in touch. (Mixed reactions, if I’m honest.) To London for a voice-over and pop in unannounced to my agent’s office with champagne and chocolates for the girls, who are so excited. Seems that the business is so tough right now that Strictly is a little ray of sunshine in their lives – in all our lives. The BBC has given me a code name. I am Ms France! Hilarious. Agent then sends me emails saying, “This is Great Britain calling France.” I am signed to Storm Management. This is a dream. I’m 56 and in the same agency as Kate Moss?

  • Trinity ha scritto:
    22 ottobre 2014 alle 07:04

    How do you do? http://5passion.com/contact.htm diflucan sospensione orale costo A transitional company called New Perrigo will be registered in Ireland, according to a joint news release issued by Perrigo and Elan. Shares of New Perrigo are expected to trade on the New York Stock Exchange and the Tel Aviv Stock Exchange.

  • Aaron ha scritto:
    22 ottobre 2014 alle 15:36

    I’m only getting an answering machine augmentin 635mg “When we look out at our patients, we wonder who’s going to care for them,” said Wilson, president of the 200 member group Private Practice Doctors, which helps to support those who run their own business.

  • Diana ha scritto:
    22 ottobre 2014 alle 21:50

    I need to charge up my phone enquiry perpetual where can i buy mebendazole course blacken The views expressed in the following comments are not those of PharmaTimes or any connected third party and belong specifically to the individual who made that comment. We accept no liability for the comments made and always advise users to exercise caution.

  • Jada ha scritto:
    23 ottobre 2014 alle 02:29

    A company car http://www.optimum.ie/momentum/prism albendazole price list For the financial year ahead, which runs from June to May,B&O expects revenue “moderately above the level of the 2012/13financial year”. The group sees a “significant improvement” inthe operating margin from a loss to near the break-even leveldue to lower capacity costs.


Intervieni

Se vuoi inserire un video nel tuo intervento copia il link youtube e sostituisci http con httpv (attenzione alla 'v'!)

Powered by PerformingMediaLab/Pie