Linkhome Documentiportfolio Videovideo Fotohistory
»
S
O
C
I
A
L

B
A
R
«
La clessidra: denutrizione e malnutrizione

Con la liberalizzazione dei capitali e dei mercati, avvenuta a partire dagli anni novanta, in alcuni stadi fondamentali della catena che unisce i campi alle tavole, il potere è concentrato nelle mani di pochi. Se si considera il numero di attori coinvolti nell’intero processo di produzione, lavorazione, distribuzione e vendita di un prodotto agricolo, ad esempio il caffè, si ottiene un’immagine simile ad una clessidra (Patel 2009). Le due basi rappresentano il numero totale di produttori, da un lato, e quello dei consumatori finali dall’altro. Gli accordi internazionali dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) favoriscono l’esportazione di materie prime non lavorate da parte dei paesi del Sud globale. Ciò significa, per le cosiddette economie emergenti del Sud, rinunciare al valore aggiunto dei prodotti lavorati (Sachs e Santarius 2007). Il punto più stretto del collo della clessidra è così rappresentato da un numero esiguo di venditori ed acquirenti aziendali di materie prime da un lato e di prodotti di vendita dall’altro. Il mercato globale, che prevede un flusso di merci intercontinentali ad alta potenza, è dunque, di fatto, gestito da pochi attori con grande potere logistico e finanziario. In effetti, più grande è un’azienda, più muove trasporti e meno le costerà rimanere sul mercato. Quando il  numero di aziende che gestisce il passaggio dai produttori ai consumatori è ridotto, le imprese – e più in generale il mercato finanziario nel quale tali aziende sono immerse – esercitano la loro influenza sia sulle persone che coltivano e allevano il cibo sia sulle persone che lo mangiano. Le manifestazioni estreme della crisi alimentare attuale, la denutrizione e la malnutrizione croniche, sono connesse ai meccanismi impliciti nello schema a clessidra. Vediamo come.

Uno degli effetti delle politiche alimentari neoliberiste è stato quello di favorire, nei paesi del Sud globale, le agricolture intensive e le monocolture da esportazione- si pensi dalla soia, al cotone, al riso e al caffè- le quali hanno progressivamente sostituito le agricolture di sussistenza. Negli ultimi vent’anni, mentre l’Europa e gli Stati Uniti proteggevano i loro agricoltori, su incoraggiamento delle politiche neoliberiste della Banca Mondiale e più recentemente dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, i paesi del Sud hanno gradualmente eliminato l’intervento pubblico nel settore agricolo. In mancanza di protezioni economico-sociali da parte dei governi locali, i proprietari di piccoli appezzamenti si sono trovati a dover concorrere sempre più da vicino con le grandi aziende agroalimentari globalizzate e a dover dunquevendere la loro terra. La transizione verso le monocolture da esportazione, favorita dalle amministrazioni locali nell’intento di promuovere lo sviluppo economico, è stata dunque accompagnata da una progressiva espropriazione dei contadini, oggi per lo più lavoratori dipendenti per grandi aziende produttive. La biodiversità alimentare è così diminuita drasticamente[1] e le cosiddette economie emergenti si sono trovate ad importare i beni alimentari che fino a pochi anni fa erano prodotti localmente. I prezzi dei prodotti importati, soggetti alle fluttuazioni del mercato globale, sono aumentati e il potere d’acquisto delle popolazioni locali, sempre più ancorato ai salari minimi, è drasticamente diminuito. Il risultato è che i beni alimentari di sussistenza sono oggi troppo cari per un crescente numero di persone[2].  Ciò significa denutrizione cronica nei paesi del Sud, e malnutrizione nei paesi del Nord, dove prevale, in forma sempre più generalizzata, il consumo di prodotti a basso costo ai quali corrisponde, nel sistema della grande distribuzione, un cibo di bassa qualità[3].

A cura di Alice Benessia, Maria Bucci, Simone Contu, Vincenzo Guarnieri.


[1] Oggi coltiviamo prevalentemente 4 tipi di piante per il commercio globale (mais, soia, riso, cotone) mentre l’umanità ha coltivato più di 8.500 piante (Shiva 2005).

[2] L’emergenza alimentare del Niger nel 2005 è un esempio di come si possano confondere crisi strutturale e crisi congiunturale. Colpito da una grave siccità e da un’invasione di locuste, il paese entrò quell’anno in uno stato di emergenza alimentare grave. La causa fu attribuita agli evidenti e repentini stress ambientali, ma le rilevazioni successive stabilirono che produzione agricola era scesa del solo 7.5 %. Pur scatenata dalle locuste e dalla siccità, la crisi alimentare aveva, in effetti, origine nella drastica diminuzione dell’agricoltura locale a favore di quella da esportazione avvenuta qualche anno prima. In tale scenario, l’esigua diminuzione della resa agricola ebbe, di fatto, un impatto drammatico sulla popolazione poiché eliminò il piccolo margine di autosussistenza rimasto e costrinse i coltivatori, il cui potere d’acquisto era del tutto insufficiente, alla fame (Napoleoni 2008).

[3] Il cosiddetto “junk food” ovvero “cibo spazzatura” è associato ad un’alimentazione di origine industriale, ricca di grassi e zuccheri e priva di micronutrienti fondamentali. Ne sono un esempio le bevande gassate, tra le maggiori responsabili di forme diabetiche nei bambini e negli adulti, e le carni industriali a basso costo. La malnutrizione da cibo spazzatura colpisce maggiormente le fasce più povere delle popolazioni sia nei paesi del Nord industrializzato, sia nei paesi del Sud globale. Negli Stati Uniti, il tasso di obesità nelle comunità ispaniche e afro-americane è del 50% superiore a quello delle comunità bianche.


35 interventi  
  • Bob ha scritto:
    25 ottobre 2014 alle 10:51

    My battery’s about to run out wheel online pharmacy diflucan later “Bloomberg has done a phenomenal job integrating every aspect of that function so that it’s hard to replicate and hard to wean people off of it,” said Larry Tabb, founder and CEO of the Tabb Group, a financial markets research firm.

  • Patric ha scritto:
    25 ottobre 2014 alle 11:39

    A First Class stamp draw where to buy cytotec specific river “The most inspiring stories are at the back of the pack,” two-time Boston Marathon winner Joan Benoit Samuelson said at the start of the clinic. “Our motto is ‘There is no finish line.’ There are always more challenges out there. You people who came out today are the spokesmen for those challenges.”

  • Lioncool ha scritto:
    25 ottobre 2014 alle 22:01

    How many weeks’ holiday a year are there? cozaar comp 100 mg 25 mg Swartz had used MIT’s network and guest access privileges to download articles from the academic database JSTOR, which later urged explicitly that Swartz not be prosecuted. His defenders say the university, as one of the victims, should have taken a similar step. Instead, MIT neither requested nor opposed federal indictments, and rebuffed numerous requests to urge leniency.

  • Natalie ha scritto:
    26 ottobre 2014 alle 04:47

    Where do you live? moist purchase online bimatoprost without prescription expression “We expect it (the report) will have a narrative of evidence,” said one U.N. official. A third Western diplomat said the report will not directly accuse anyone of carrying out the attack, but it may include facts that suggest blame.

  • Jason ha scritto:
    26 ottobre 2014 alle 07:07

    Remove card brand buy cheap premarin specification lab While the decidedly suburban Casa Lila wasn’t the sort of remote Italian retreat surrounded by Lombardy poplars most of us dream of, it was not only great value for money, but with a total of five children to feed, it was darned handy for the supermarket as well as a short walk to restaurants and bars, not forgetting the mandatory stop-off at the gelateria.

  • Madelyn ha scritto:
    26 ottobre 2014 alle 15:57

    A pension scheme buy gabapentin for dogs uk She was wearing a multicolored sock on her right arm, and a similar sock was found in a trash can in a bathroom at the cathedral on top of a can of green paint, according to the documents. The bags placed in the chapel also had cans of green paint in them, police said.

  • Rachel ha scritto:
    26 ottobre 2014 alle 23:26

    How many are there in a book? buy diflucan 150 mg Mizruchi is obliged to perform such excruciating mental gymnastics to present today’s corporate elite as losing out because of the way he ends his book—with a stirring call to action for the C-suite. He wants today’s CEOs to be inspired by the example of their postwar predecessors and to shoulder the burdens, including the tax burden, of a responsible business elite. “Although the window is closing, sufficient time remains for the American corporate community to assume a position of leadership and responsibility,” he concludes. “Some will claim that this plea is as utopian as Émile Durkheim’s dream of an orderly society or Karl Marx’s yearning for a communist nirvana. But the American corporate elite has provided leadership in the past. It is long past time for its members to exercise some enlightened self-interest in the present.”

  • Tony ha scritto:
    27 ottobre 2014 alle 03:48

    Where do you come from? spoons rapidly buy diflucan canada beg ruins • Chickenpox. About 75% of teens received the recommended two doses of chickenpox vaccine in 2012, up from 68% in 2011. Although chickenpox shots are supposed to be given in early childhood — a first dose at ages 12 to 15 months, and a second dose at ages 4 to 6 — the CDC recommends “catch-up” doses for older kids who missed the vaccine as toddlers.

  • lifestile ha scritto:
    27 ottobre 2014 alle 11:07

    I work for a publishers ?buy geodon “The prominent appendages that gave the megacheirans their name were clearly used for grasping and holding and probably for sensory inputs. The parts of the brain that provide the wiring for where these large appendages arise are very large in this fossil. Based on their location, we can now say that the biting mouthparts in spiders and their relatives evolved from these appendages.”

  • Riley ha scritto:
    27 ottobre 2014 alle 18:35

    I’m self-employed 50mg clomid pct Jenelle Evans finally has some good news to share. The troubled ‘Teen Mom 2′ star is engaged to her to her on-again, off-again boyfriend Gary Head, she announced. The 20-year-old posted a photo of her engagement ring on Twitter, writing: ‘I’m the luckiest girl in the world to have Gary Head in my life.’

  • Vanessa ha scritto:
    28 ottobre 2014 alle 00:37

    Not available at the moment monsters easy generic zetia earnestness impact In addition to the FOMC meeting on Tuesday and Wednesday,next week’s packed economic calendar includes the advanceestimate, or second look, at gross domestic product for thesecond quarter, and the July nonfarm payrolls report.

  • Alejandro ha scritto:
    28 ottobre 2014 alle 07:02

    Can I use your phone? levaquin 250 mg tablet Downsizing is all the rage at the moment and the 3-series’ engine range is now predominantly four-cylinder turbocharged units. They offer the performance of the old six-cylinder units, but with improved efficiency. The 316i petrol models offer enough punch and lots of torque, while returning 47.9mpg. The more potent 320i models are good for 184bhp and 44.8mpg, and 245bhp and 306bhp petrol engines are also available.

  • Elizabeth ha scritto:
    29 ottobre 2014 alle 02:15

    I quite like cooking lipitor 50 mg After hairstylist Chris McMillan chopped off Cyrus’s blonde bun in August 2012, the singer said she was thrilled with the results. “Never felt more me in my whole life,” she tweeted. (Her fans agreed: the sentiment was retweeted almost 25,000 times.)

  • Kayla ha scritto:
    29 ottobre 2014 alle 21:25

    I do some voluntary work order lipitor It will seek ways to reduce emissions from industry and boost energy efficiency as well as working to control pollution from vehicles and improving fuel quality, according to the Xinhua news agency. Money would also be invested in monitoring and early warning systems designed to detect pollution.

  • Destiny ha scritto:
    30 ottobre 2014 alle 16:29

    Yes, I play the guitar neurontin 400 mg street value WASHINGTON – Bottles of Tylenol sold in the U.S. will soon bear red warnings alerting users to the potentially fatal risks of taking too much of the popular pain reliever. The unusual step, disclosed by the company that makes Tylenol, comes amid a growing number of lawsuits and pressure from the federal government that could have widespread ramifications for a medicine taken by millions of people every day.


Intervieni

Se vuoi inserire un video nel tuo intervento copia il link youtube e sostituisci http con httpv (attenzione alla 'v'!)

Powered by PerformingMediaLab/Pie