Linkhome Documentiportfolio Videovideo Fotohistory
»
S
O
C
I
A
L

B
A
R
«
Strategie a bassa potenza

Le strategie a bassa potenza sono fondate invece sul mettere esplicitamente in discussione il sistema economico-produttivo nel suo complesso e propongono delle modalità di redistribuzione equa dei beni comuni globali, quali la terra coltivabile, l’acqua e l’atmosfera, e di diminuzione dello sfruttamento di tali risorse ad opera dell’occidente industrializzato, attraverso una maggiore consapevolezza, efficienza e decentralizzazione energetica. Si tratta dei cosiddetti piani di contrazione e convergenza (contraction and convergence) e di ciò che Vandana Shiva definisce come “democrazia della Terra” (Shiva 2006). In tale visione, adattamento e limitazione non possono che andare di pari passo. I cittadini del nord industrializzato sono chiamati ad una maggiore consapevolezza delle ricadute climatiche dei loro stili di vita, nei trasporti, nelle scelte di consumo alimentare e non, e nella gestione dell’energia nelle proprie abitazioni1. Nel contempo, le comunità autopoietiche2, ovvero ancora fondate sull’auto-sussistenza e sull’auto-organizzazione, possono fungere in tale contesto da prezioso esempio per proporre dei modelli di decentralizzazione complessiva dei sistemi di sostentamento e di produzione. Non si tratta dunque di accelerare lo sviluppo allopoietico delle comunità locali, ovvero uno sviluppo alimentato ad alta potenza in modo centralizzato e non adattato agli ecosistemi coinvolti, ma al contrario, di favorire un recupero della capacità di produrre e condividere materia ed energia su scala locale, ed informazione e conoscenza su scala globale. Le migliori strategie di limitazione e adattamento al caos climatico consistono, in quest’ottica, nel preservare ed arricchire la biodiversità ecologica e culturale presente sul pianeta, arricchendola delle tecnologie a bassa potenza oggi a disposizione3.


1 Una serie di progetti di sensibilizzazione e creazione di consapevolezza civica sulla questione del caos climatico, quali il progetto Ulysses e il software VGAS di simulazione degli effetti climatici degli stili di vita, sono stati realizzati dal centro di ricerca della Commissione Europea, Joint Research Center e implementati in modo partecipativo sotto forma di focus group in tutta Europa.

Vedi sito: http://alba.jrc.it/vgas/

http://www3.varesenews.it/blog/ambiente/jrcispra/?post=32

2 Il termine autopoietico è stato coniato dal neuroscienziato cileno Humberto Maturana nel 1972 ed è ripreso da Vandana Shiva ad indicare un sistema in grado di autorinnovarsi ed autoorganizzarsi attraverso la creazione, la trasformazione e la distruzione continua dei suoi componenti. Gli ecosistemi del nostro pianeta possono essere considerati auto-poietici soltanto se si considera come componente interna al sistema anche l’energia solare poiché la Terra riceve energia esterna al proprio sistema dal Sole.

3 Quali ad esempio la produzione, diffusione e stoccaggio di energie rinnovabili su scala locale e decentralizzata.

A cura di Alice Benessia, Maria Bucci, Simone Contu, Vincenzo Guarnieri.


43 interventi  
  • Sean ha scritto:
    25 ottobre 2014 alle 13:23

    I’m afraid that number’s ex-directory induce diflucan rxlist zoo “They need to look at fundamentally different ways to do these (clearances),” says Tom Lewis, a former senior adviser for the Department of the Army who began his career running background investigations for Army intelligence. “You need to monitor people more or less continuously — you can’t just look at them every five or 10 years (for a re-investigation); you’re missing too much.”

  • Cameron ha scritto:
    25 ottobre 2014 alle 14:25

    I can’t get a signal sandy purchase accutane (isotretinoin) pale risk “To that extent that there are kind of normal relations between the federal government and state and local government — we’ve been using those methods.  Even in the Treasury Department, we have a program where we work to help with housing programs.  I think when it comes to the questions between Detroit and its creditors, that’s really something that Detroit is going to have to work out with its creditors,” he said.

  • bobber ha scritto:
    25 ottobre 2014 alle 20:48

    I’m doing an internship hatch plough buy diflucan pill spotted The U.S. has repeatedly demanded that Pakistan take stronger action against Islamic militants in the country, especially members of the Afghan Taliban who use the nation as a base to carry out cross-border attacks on American troops in Afghanistan.


Intervieni

Se vuoi inserire un video nel tuo intervento copia il link youtube e sostituisci http con httpv (attenzione alla 'v'!)

Powered by PerformingMediaLab/Pie