Linkhome Documentiportfolio Videovideo Fotohistory
»
S
O
C
I
A
L

B
A
R
«
Principi della sostenibilità socio-ambientale

Emerge chiaramente, dalle analisi precedenti, come intorno alla problematica della sostenibilità ambientale vi sia molta ambiguità, difficilmente superabile nella gestione delle politiche di gestione regionale e locale. Risulta, infatti, molto difficile effettuare la distinzione fra capitale naturale e capitale prodotto dall’uomo (basti pensare a zone rimboschite o a laghi artificiali, piccoli ecosistemi di origine antropica che vengono reinseriti all’interno dell’ecosistema naturale).

Occorre quindi a questo proposito richiamare i due principi che formulò nel 1991 Herman Daly, esperto di un filone di studi definito come economia ecologica:

Principio del rendimento sostenibile: le risorse naturali devono essere consumate ad una velocità tale da permettere alla natura di ripristinarle.

In questa maniera si riesce ad evitarne l’esaurimento. Un esempio potrebbe essere lo sfruttamento delle foreste: supponendo di avere una foresta con 100 alberi che si accresce di 10 alberi/anno, il rendimento sostenibile consiste nello sfruttamento di solo questi 10 alberi/anno, in maniera da non intaccare il capitale naturale iniziale; nel caso in cui lo sfruttamento fosse superiore saremmo destinati all’esaurimento dell’intero patrimonio forestale a nostra disposizione.

Principio della capacità di assorbimento: i rifiuti devono essere prodotti ad una velocità compatibile con quella del loro assorbimento da parte dell’ecosistema, in modo da evitare pericolosi effetti d’accumulo.

Attualmente questo secondo principio non è assolutamente rispettato, e sarebbero necessari interventi mirati all’utilizzo di risorse alternative dal punto di vista energetico (in maniera da diminuire il tasso di CO2 che si libera nell’atmosfera in quantità decisamente superiori alla possibilità naturale di riassorbimento) e ad una riduzione dei consumi per quanto riguarda la produzione di rifiuti di qualsiasi genere.

Risulta chiara, da entrambi i principi, la necessità di definire dei limiti allo sfruttamento attuale delle risorse naturali, così come la valorizzazione di ogni comportamento, tecnologia, politica volta al riciclo, recupero e riuso dei materiali già utilizzati.

A cura di Alice Benessia, Maria Bucci, Simone Contu, Vincenzo Guarnieri.


210 interventi  
  • Jocelyn ha scritto:
    23 gennaio 2015 alle 17:02

    I’ve lost my bank card buy zopiclone cheap “Trayvon Martin could have been me 35 years ago,” the president said in his first on-camera response to Saturday’s verdict. “In the African- American community at least, there’s a lot of pain around what happened here. I think it’s important to recognize that the African- American community is looking at this issue through a set of experiences and a history that doesn’t go away.”

  • Mariano ha scritto:
    23 gennaio 2015 alle 23:07

    What do you want to do when you’ve finished? fluconazole cost “Vaca Muerta is a world-class share and fits perfectly within our solid portfolio of non-conventional resources,” Watson said. “It’s consistent with our strategic objective of entering into new and attractive areas early in the process.”

  • wholesale nike shoes ha scritto:
    24 gennaio 2015 alle 00:27

    I am truly pleased to glance at this blog posts which Democrazia 2.0 » Blog Archive » Principi della sostenibilità socio-ambientale includes tons of useful data, thanks for providing these information.
    wholesale nike shoes http://www.hopwc.org/ki.php

  • cheap lebron 11 ha scritto:
    24 gennaio 2015 alle 02:02

    Now I am ready to do my breakfast, when having my breakfast coming yet again to read additional news Democrazia 2.0 » Blog Archive » Principi della sostenibilità socio-ambientale .
    cheap lebron 11 http://www.hopwc.org/getconnected/sale.php?/authentic_cheap_lebron_11_blue_pink_black_shoes

  • Reinaldo ha scritto:
    24 gennaio 2015 alle 17:38

    Where are you from? either dig application loan online personal marched boundless UKFI, which manages the government’s stakes in Lloyds andRoyal Bank of Scotland, said it had agreed not to sellany more shares in the bank for a period of 90 days. Thegovernment is expected to sell the shares in several tranches.

  • Larry ha scritto:
    24 gennaio 2015 alle 20:24

    How much notice do you have to give? order klonopin no prescription While hundreds of banks participate in the foreign exchangemarket, four players dominate, with a combined share of morethan 50 percent, according to a May survey by EuromoneyInstitutional Investor. Germany’s Deutsche Bank isNo. 1, with a 15 percent share, followed by Citigroup with14.9 percent, Britain’s Barclays with 10 percent andUBS with 10 percent.

  • Cheap Jordans ha scritto:
    25 gennaio 2015 alle 02:27

    Wow, that Democrazia 2.0 » Blog Archive » Principi della sostenibilità socio-ambientale what I was looking for, what a material! existing here at this website, thanks admin of this web page.
    Cheap Jordans http://www.hopwc.org/am.php

  • Quaker ha scritto:
    25 gennaio 2015 alle 10:16

    On another call quanto costa diflucan 100 Unfortunately, this beautiful skirt is a little on the pricey side, so for those of us with a smaller budget, we've rounded up the best alternatives out there. With Missguided, River Island and Lipsy all stocking some great versions, it's time to get spending!


Intervieni

Se vuoi inserire un video nel tuo intervento copia il link youtube e sostituisci http con httpv (attenzione alla 'v'!)

Powered by PerformingMediaLab/Pie