Linkhome Documentiportfolio Videovideo Fotohistory
»
S
O
C
I
A
L

B
A
R
«
Strategie di mitigazione e adattamento (ad alta potenza)

Nel giro di pochi anni, si è passati da una difficoltà a definire ed accettare l’esistenza del problema del cambiamento climatico globale, alla presa d’atto che una soluzione definitiva non esiste. Si tratta oggi di contenere i danni e di non innescare reazioni di feed back positivi che possano portare ad un drammatico e repentino collasso degli ecosistemi che ospitano la vita sul pianeta, compresa la nostra.

In effetti, la crisi climatica è attualmente affrontata nei termini di limitazione del fenomeno (la cosiddetta mitigation nella letteratura anglosassone) ed in quelli di adattamento (adaptation) al fenomeno stesso.

Per limitazione si intende la serie di interventi finalizzati alla riduzione o eliminazione a lungo termine dei rischi e pericoli legati al cambiamento climatico1. L’adattamento è la capacità di un sistema di reagire a un cambiamento moderando i potenziali danni, prendendo vantaggio dalle nuove opportunità e fronteggiando le conseguenze.

Sia la limitazione sia l’adattamento sono concepiti e realizzati attraverso due tipologie di strategie distinte. Rispetto alle seconde, le prime, cosiddette ad alta potenza, propongono interventi che non mettono significativamente in discussione la struttura del sistema industriale globalizzato e si concentrano dunque su interventi normativi e tecnologici in grado di aumentare l’efficienza energetica e di sostituire l’utilizzo dei combustibili fossili senza diminuire sostanzialmente la quantità di energia e materia complessivamente utilizzate per sostenere il sistema. La privatizzazione dell’atmosfera attraverso la compravendita del diossido di carbonio e delle emissioni, proposta nei meccanismi del trattato di Kyoto e nel rapporto Stern2, il riemergere dello sviluppo di tecnologie fondate sull’energia nucleare e le pianificazioni su ampia scala di centrali eoliche e solari rientrano in tale opzione di limitazione del problema. È questo lo scenario di ciò che viene spesso definito come “sviluppo sostenibile”. In tale contesto, per limitare i danni da cambiamento climatico, i paesi in via di sviluppo devono essere messi nella condizione di accelerare i tempi di transizione verso il sistema industriale proposto dalle strategie ad alta potenza. Si tratta dunque, ad esempio, di aumentare la capacità di adattamento climatico di tali paesi e popolazioni estendendo l’utilizzo di sementi geneticamente modificate, in grado di resistere agli stress ambientali, o di diffondere, più in generale i metodi dell’agricoltura intensiva industriale, debitamente ‘ripuliti’ il più possibile dalla dipendenza dagli idrocarburi3.

Sempre nell’ambito delle soluzioni di limitazione ad alta potenza rientrano le cosiddette tecnologie di ingegneria del clima (climate engeneering) e di ingegneria planetaria (geoengeneering), attraverso le quali si propongono soluzioni per ‘ripulire’ l’atmosfera dalla CO2 o per ridurre l’effetto serra. Si tratta di soluzioni che implicano ancora una volta l’essenziale mantenimento dello status quo senza affrontare il problema alla radice. Le maggiori controindicazioni di tali tecnologie sono i loro effetti a catena sugli ecosistemi locali e globali, e i loro costi e rischi non tanto di realizzazione, quanto di mantenimento a tempo indeterminato. Gli interventi diretti sull’atmosfera prevedono, ad esempio, l’utilizzo di aerosol sub-microscopici a base di solfato per riflettere la luce solare, al fine di raffreddare l’atmosfera, oppure la messa in orbita di migliaia di lenti della larghezza approssimativa di sessanta centimetri ognuna in grado di deflettere la luce solare, o ancora la ‘cattura’ alla fonte della CO2 emessa dalla grandi industrie e la sua immissione in serbatoi sotterranei nella litosfera (la cosiddetta carbon sequestration). Un intervento sugli oceani, sperimentato negli Stati Uniti sotto il nome di progetto IRONEX, prevede la contaminazione delle acque con particelle di ferro in grado di accelerare lo sviluppo del fitoplacton, in grado di fissare la CO2 per fotosintesi.


1 Per maggiori dettagli si veda Vandana Shiva, Ritorno alla Terra, Roma: Fazi Editore, 2009.

2 Si veda a tal proposito le schede su energia e alimentazione.

A cura di Alice Benessia, Maria Bucci, Simone Contu, Vincenzo Guarnieri.


5.984 interventi  
  • car insurance rate ha scritto:
    27 febbraio 2015 alle 22:58

    Didn’t know the forum rules allowed such brilliant posts.

  • viagra 25mg online without prescription ha scritto:
    27 febbraio 2015 alle 23:12

    It’s good to get a fresh way of looking at it.

  • internet ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 00:36

    First off I would like to say fantastic blog! I had a quick question that I’d like to ask if you don’t mind. I was curious to know how you center yourself and clear your head before writing. I have had a difficult time clearing my mind in getting my ideas out there. I do enjoy writing but it just seems like the first 10 to 15 minutes are usually lost just trying to figure out how to begin. Any suggestions or hints? Cheers!|

  • dish network packages ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 00:44

    Does your blog have a contact page? I’m having a tough time locating it but, I’d like to send you an e-mail. I’ve got some ideas for your blog you might be interested in hearing. Either way, great blog and I look forward to seeing it grow over time.|

  • brothers cs6000i ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 00:49

    Wonderful blog! I found it while searching on Yahoo News. Do you have any tips on how to get listed in Yahoo News? I’ve been trying for a while but I never seem to get there! Appreciate it|

  • ヴィヴィアン ベルトリング ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 00:50

    セットになっており、抱き合わせでないと購入できない、ということです「抱き合わせ販売だけなの?それは『悪い点』じゃないの?」と思われるでしょう私も最初そう思っていました。
    ヴィヴィアン ベルトリング http://www.akwan.co.uk/press/images/gif/%e3%83%b4%e3%82%a3%e3%83%b4%e3%82%a3%e3%82%a2%e3%83%b3-%e3%83%99%e3%83%ab%e3%83%88%e3%83%aa%e3%83%b3%e3%82%b0-yahooshop_7169.html

  • term life insurance ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 00:58

    Alakazaam-information found, problem solved, thanks!

  • michael kors bags outlet ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 01:35

    That may in addition you should Vollmer. [url=http://www.michaelkorsonlineoutlets.us]michael kors handbags outlet[/url]
    Questionnaire Zoo park ersus Photography equipment Savannah could be a moderate adjust regarding surroundings pertaining to Dr Goodall, who’s almost all known for her serious work together with chimpanzees. [url=http://www.michaelkorsonlineoutlets.us]michael kors online outlet[/url]
    Exceptional airborne photographs uncover turmoil of D-day landings | N . Legend Local Game Life-style Business Your Authority Entertainment Associated Things The United kingdom’s Ministry of Defense currently have introduced aerial pictures with the Normandy seashore landing in the mid 1940s. [url=http://www.michaelkorsonlineoutlets.us]www.michaelkorsonlineoutlets.us[/url]
    Nyc: News in which U.Azines. employers extra staff at the great show for your fourth sequential month aided deliver the stock exchange increased Comes to an end. [url=http://www.michaelkorsonlineoutlets.us]michael kors online outlet[/url]
    She said hello is because the planet is definitely straight! [url=http://www.michaelkorsonlineoutlets.us]michael kors outlet[/url]
    They pointed out several teachers possess reserved dining tables at eateries and cafÈs within the Capital for your day where by they think about the students [url=http://www.michaelkorsonlineoutlets.us]michael kors[/url]
    CLEVELAND: After Erika Brantley didn t include the top 15 among outfielders with major-league baseball utes fan opt for the July All-Star Game a week ago, his enthusiast club will be making development. [url=http://www.michaelkorsonlineoutlets.us]http://www.michaelkorsonlineoutlets.us[/url]
    The particular IEA warned more petrol may well not produce dramatically reduced rates. [url=http://www.michaelkorsonlineoutlets.us]michael kors handbags outlet[/url]
    nd from the region.
    michael kors bags outlet http://www.michaelkorsonlineoutlets.us

  • Harga Samsung E5 ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 01:54

    The Zune concentrates on being a Portable Media Player. Not a web browser. Not a game machine. Maybe in the future it’ll do even better in those areas, but for now it’s a fantastic way to organize and listen to your music and videos, and is without peer in that regard. The iPod’s strengths are its web browsing and apps. If those sound more compelling, perhaps it is your best choice.

  • generic viagra ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 02:48

    Awesome you should think of something like that

  • town houses ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 04:38

    Highly descriptive article, I enjoyed that bit. Will there be a part 2?|

  • Kendall ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 06:01

    When do you want me to start? http://www.paroissestpaul.ca/nous-joindre.html Buy Ranitidine Why not try Barcelona? Go to the food hall to sample some great Spanish tapas. The assortment of dishes from different regions of Spain are unbelievable, and very tasty. You can try foods that you have never tried before, and as tapas come in small portions, if you do not like one dish you can move onto another.

  • buy cialis ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 06:25

    Articles like this just make me want to visit your website even more.

  • Harga Lenovo P70 ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 06:27

    Hands down, Apple’s app store wins by a mile. It’s a huge selection of all sorts of apps vs a rather sad selection of a handful for Zune. Microsoft has plans, especially in the realm of games, but I’m not sure I’d want to bet on the future if this aspect is important to you. The iPod is a much better choice in that case.

  • where to buy viagra 25mg ha scritto:
    28 febbraio 2015 alle 07:46

    Hey, that’s the greatest! So with ll this brain power AWHFY?


Intervieni

Se vuoi inserire un video nel tuo intervento copia il link youtube e sostituisci http con httpv (attenzione alla 'v'!)

Powered by PerformingMediaLab/Pie